Vuoto a rendere per gli imballaggi di birra e acqua

Entra in vigore il Decreto del Ministero dell’Ambiente del 3 luglio 2017 – pubblicato in GU lo scorso 25 settembre – che disciplina le caratteristiche della sperimentazione su base volontaria del sistema del vuoto a rendere per gli imballaggi contenenti birra o acqua serviti al pubblico da
ristoranti, bar, alberghi e altri punti di consumo.

Il Ministero ha quindi emanato il Decreto in questione stabilendo, innanzitutto, che entro 60 giorni dall’entrata in vigore, quindi entro il 9 dicembre 2017, i produttori di bevande che intendono aderire alla sperimentazione devono comunicarlo al Ministero, indicando il marchio e le linea di birra o acqua minerale e le caratteristiche del relativo imballaggio e che la sperimentazione partirà il 9 febbraio 2018 e avrà la
durata di 12 mesi.

Successivamente il Decreto stabilisce che:
- gli esercenti che vogliono aderire al sistema, su base volontaria, devono compilare il modulo allegato 1 al DM e consegnarlo al distributore e/o produttore degli imballaggi che aderisce alla sperimentazione;
- l’adesione è ammessa anche per l’esercente che continua a somministrare nello stesso punto vendita anche imballaggi non riutilizzabili;
- le modalità operative per la gestione degli imballaggi sono concordati tra l’esercente ed il distributore e/o il produttore;                                                       -la cauzione per singolo pezzo, che deve essere versata al momento dell’acquisto dell’imballaggio, è compresa tra gli 0,05 e 0,30 euro sulla base del volume dell’imballaggio, che deve essere compreso tra gli 0,20 e 1,5 litri
- l’importo della cauzione non deve comportare in nessun caso un aumento del prezzo di acquisto da parte del consumatore;
- le modalità di applicazione e pagamento della cauzione sono stabilite tra le parti senza oneri o aggravi per l’esercente.

Il Ministero, a seguito dell’adesione dei diversi soggetti, predisporrà un registro degli operatori della filiera aderenti alla sperimentazione e lo pubblicherà sul suo sito istituzionale, prevedendo un attestato di benemerenza per gli stessi, che potranno esporlo nel loro esercizio.

Inoltre, per incentivare l’adesione e la diffusione della sperimentazione nel Decreto in oggetto, viene stabilito che il Ministero concede l’utilizzo del patrocinio e del logo ministeriale su richiesta degli utilizzatori che realizzino una o più campagne di comunicazione sul sistema del vuoto a rendere.

Scarica il Decreto del Ministero dell’Ambiente

Condividi... Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterPin on Pinterest
Categories: Imprese news