Saldo Imu/Tasi 2018: alla cassa il 17/12/2018

tax-credit-strutture ricettiveCome previsto dalla Finanziaria 2018 i Comuni non hanno potuto incrementare il carico impositivo dell’imposta Imu e Tasi. Il saldo Imu e Tasi si calcola tenendo conto delle aliquote e detrazioni previste per il 2018 dalle delibere comunali pubblicate sul sito internet del MEF entro il 28.10.2018.

Il presupposto impositivo dell’Imu è il possesso di un immobile ubicato in Italia a titolo di proprietà o altro diritto reale di godimento (es. usufrutto). L’imposta è dovuta anche da soggetti non residenti che possiedono un’immobile in Italia, fanno eccezione gli immobili in leasing, per i quali il soggetto passivo è il locatario.

Al fine di determinare l’ammontare dell’imposta dovuta alla base imponibile Imu va applicata l’aliquota prevista dalla normativa. Bisogna inoltre considerare le eventuali detrazioni/riduzioni previste a livello nazionale o da delibera comunale e rapportare l’imposta ai mesi e alla percentuale di possesso, computando l’intero mese nel caso in cui si sia protratto per più di quindici giorni.

Il versamento può essere effettuato entro il 17.12.2018 tramite modello F24 oppure tramite l’apposito bollettino postale.

In riferimento alla Tasi il presupposto impositivo è rappresentato dal possesso o detenzione a qualsiasi titolo di fabbricati e di aree edificabili. Sono previste specifiche disposizioni per gli immobili concessi in locazione/comodato e nel caso in cui la detenzione sia inferiore ai sei mesi.

La base imponibile è la medesima dell’Imu, lo stesso vale per le modalità di versamento.

Categories: Fisco e Lavoro, Fisco News