HomeFisco e LavoroLavoro news (Page 16)

shutterstock_153102260Il 30 marzo u.s. è stato sottoscritto tra Confcommercio e Filcams Cigl, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil l'accordo per il rinnovo del CCNL Terziario, Distribuzione e Servizi, con validità dal 1 aprile 2015 al 31 dicembre 2017.
L'accordo consegna alle imprese del settore strumenti in grado di accompagnarle ed aiutarle nella ripresa con soluzioni innovative, caratterizzate da una maggiore flessibilità e produttività sia sull'orario di lavoro che sul mercato del lavoro e da migliori garanzie per l'applicazione del welfare contrattuale.
L’accordo è stato sottoscritto da tutte e tre le sigle sindacali (FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL e UILTUCS-UIL), cosa che consente un rinnovo senza soluzione di continuità con il precedente contatto nazionale del 2011 (all’epoca non firmato da FILCAMS-CGIL).

Di seguito riportiamo i tratti principali.

 

incentivi-disabiliRegione Lombardia, con Decreto 13 aprile 2015 n. 2863 (pubblicato lo scorso 20 aprile), ha approvato incentivi per l'assunzione di persone con disabilità. Di seguito ne indichiamo le caratteristiche salienti.

Destinatari
Persone con disabilità (ai sensi dell’art. 1, Legge n. 68/1999), di età compresa tra i 16 ed i 64 anni, residenti o domiciliati in Lombardia:
- disoccupate o inoccupate, iscritte negli elenchi del Collocamento Mirato Disabili della Lombardia alla data di sottoscrizione del rapporto di lavoro, con una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45% (per gli invalidi del lavoro: superiore al 33%);
- giovani dai 16 fino a 29 anni compiuti che abbiano conseguito un titolo di studio di qualunque ordine e grado da non oltre 12 mesi dalla sottoscrizione del rapporto di lavoro, con una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%.

Tipologie di rapporto di lavoro incentivati

personaleCome noto (vedi articolo dello scorso 30 dicembre) la Legge n. 190/2014 (Legge di Stabilità 2015) ha introdotto, per il periodo 1° gennaio 2015 – 30 giugno 2018, la possibilità per i dipendenti di chiedere di percepire mensilmente in busta paga la quota maturanda del TFR.

E’ stato ora pubblicato il DPCM 20 febbraio 2015 n.29, in cui sono riportate le modalità di attuazione delle disposizioni di legge e il modulo che il lavoratore dovrà compilare per la richiesta.