HomeFinanziamentiBando riqualificazione alberghi e strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta

Bando riqualificazione alberghi e strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta

bando alberghi

Pubblicato sul BURL di oggi, 10 luglio 2020 serie Ordinaria n. 28, il bando che sostiene la competitività delle strutture ricettive alberghiere e delle strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta con una dotazione finanziaria di 17 ml di euro.

Soggetti beneficiari sono le strutture ricettive alberghiere (alberghi o hotel; residenze turistico-alberghiere; alberghi diffusi; condhotel) e le strutture ricettive non alberghiere all’aria aperta (villaggi turistici, campeggi e aree di sosta).

Trattasi di un’agevolazione a fondo perduto al 50% (max 200.000 euro) a fronte di un investimento minimo di 80.000 euro.

I progetti devono riguardare i seguenti macrotemi: enogastronomia & food experience; natura & green; sport & turismo attivo; terme & benessere; fashion e design; business congressi & incentive.

Gli interventi finanziabili sono:

  •  realizzazione, ristrutturazione e riqualificazione degli immobili/aree destinati all’attività ricettiva e/o delle strutture ed infrastrutture complementari direttamente connesse;
  •  acquisto e installazione di arredi, macchinari e/o attrezzature anche di carattere tecno- logico.

Le spese ammissibili devono essere state sostenute a decorrere dalla domanda di presentazione e in particolare attenere a:

a) arredi, macchinari e attrezzature;

b) opere edili murarie e impiantistiche;

c) progettazione e direzione lavori per un massimo dell’8%;

d) spese generali e forfettarie per un valore del 7%.

Le imprese proprietarie delle strutture ricettive e le imprese che gestiscono, in virtù di regolare contratto, le strutture ricettive i cui proprietari siano persone fisiche che non svolgono attività economica, possono presentare progetti che comprendono qualsiasi tipologia di spesa ammissibile;

Le imprese che gestiscono, in virtù di regolare contratto, le strutture ricettive i cui proprietari siano persone giuridiche o persone fisiche esercitanti altre attività economiche, possono presentare progetti che comprendano unicamente spese di cui alla voce a) (arredi, macchinari, attrezzature) e/o d) (spese generali). Possono eventualmente inserire in progetto opere di assistenza muraria necessarie all’installazione degli investimenti di cui al punto a. (arredi, macchinari, attrezzature, hardware e software), nel limite del 20% dei costi a cui si riferiscono.

I progetti devono essere conclusi entro 18 mesi dalla data di pubblicazione su BURL del decreto dirigenziale di concessione dell’agevolazione al beneficiario.

Il contributo verrà concesso in regime De minimis ordinario tramite procedura valutativa a graduatoria.

Le domande potranno essere presentate telematicamente sulla piattaforma regionale dalle ore 12:00 del giorno 21 luglio 2020 fino alle ore 12 del 15 ottobre 2020.

 

 

 

Condividi
Sospensione fino al
Offerte di lavoro in