HomeImprese newsBancomat: bene taglio commissioni, ma no sanzioni su imprese senza POS

Bancomat: bene taglio commissioni, ma no sanzioni su imprese senza POS

commissioni carte di pagamento
pos-obbligatorio

pos-obbligatorio

Usare il bancomat costerà meno ma l’obbligo è ancora lontano. L’Italia, su impulso dell’Ue, riduce le commissioni interbancarie sui pagamenti elettronici come bancomat e carte di credito. Il decreto legge, che il Governo si appresta a varare nel prossimo Consiglio dei Ministri, dà un taglio sostanziale alle commissioni interbancarie, di fatto uniformandosi ai dettami europei che finora erano ampiamente sforati. Si passa da una media dello 0,50% a un tetto dello 0,20% del valore della transazione per carte di debito e prepagate, e da una media dello 0,70% a un tetto dello 0,30% per le carte di credito.

Bene che il Governo abbia deciso di intervenire per ridurre le commissioni per i pagamenti con carte di credito e bancomat tramite Pos, anche se si tratta delle commissioni interbancarie e non di quelle a carico delle imprese. Non vorremmo, però, che il Governo usi questo stesso provvedimento per introdurre anche le sanzioni per le imprese che non accettano pagamenti elettronici.

Confcommercio ribadisce che se l'obiettivo è quello di diffondere sempre di più l'uso di questi strumenti di pagamento, la via non è certo quella di prevedere misure ingiuste e penalizzanti. Occorre intervenire sulla riduzione delle commissioni applicate dalle banche alle imprese che restano ancora troppo elevate e che, nel caso di pagamenti di piccoli importi e per alcuni settori in particolare, come distributori di carburante, tabaccai, giornalai, assorbono molto spesso i margini di profitto degli imprenditori.

Condividi
Voucher digitalizzaz
Tax free: scarica il